Navigation – Plan du site

Il sogno erotico nella lirica del Cinquecento

Erika Milburn
p. 43-71

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2017.

Plan

Breve storia (letteraria) del sogno erotico tra antichità e medioevo
Il sogno in Petrarca
Il sogno erotico nel Cinquecento
La piacevolezza del sogno
L’antitesi giorno/notte
Il sogno come ‘premio’, il premio sognato
Il catalogo di bellezze
Il bacio sognato
Gli inganni del sogno e il dubbio se il sogno sia vero o falso
Il mito di Endimione e il desiderio di morte

Aperçu du texte

Nel petrarchismo cinquecentesco il sogno erotico rappresenta uno dei pochi spazi concessi alla sensualità, in un genere nel quale espressioni franche della sessualità e la rappresentazione realistica di atti amorosi sono pressoché assenti. Spostare in ambito onirico queste tematiche rappresenta un escamotage per trattare argomenti generalmente proibiti senza intaccare i cardini del sistema petrarchesco: la castità ed irraggiungibilità dell’amata, il suo ruolo come guida spirituale, la natura non corrisposta ed infelice dell’amore.

Breve storia (letteraria) del sogno erotico tra antichità e medioevo

Prima di passare all’analisi approfondita delle rappresentazioni del sogno erotico nella lirica cinquecentesca sarà utile qualche considerazione sul tema, e sul sogno in generale, nella letteratura classica e medievale. Secondo gli antichi, i sogni si potevano suddividere in varie categorie, in base alla loro natura (profetica, allegorica, ‘messaggiera’ ecc.) e provenienza (mandati dagli ...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Erika Milburn, « Il sogno erotico nella lirica del Cinquecento », Italique, XVII | 2014, 43-71.

Référence électronique

Erika Milburn, « Il sogno erotico nella lirica del Cinquecento », Italique [En ligne], XVII | 2014, mis en ligne le 01 octobre 2017, consulté le 23 avril 2017. URL : http://italique.revues.org/384 ; DOI : 10.4000/italique.384

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page