Navigation – Plan du site

L’edonista riluttante. Erotismo, sessualità e mito adonico nel Rinascimento

Andrea Torre
p. 73-101

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2017.

Aperçu du texte

Il Figlio ha un vero cinghiale contro
il giovinetto ha un cinghialetto da nulla.
Eppure Venere elegge
quand même il giovane
e viene a
bafouer l’uomo (il Figlio)
come Angelica Orlando e Rinaldo, per Medoro.
C.E. G
adda

Dotato di una semplicità strutturale che ben supporta la libertà compositiva degli autori che vi ricorrono, il mito di Adone è stato oggetto nel corso dei secoli e nell’incontro tra le discipline di un processo di stratificazione semantica e ibridazione culturale, che richiede il ricorso a una «exégèse tentaculaire». Lo sviluppo degli eventi delinea la parabola della vita umana tesa fra piacere e dolore, fra le dimensioni psicologiche di momentaneo appagamento e continua frustrazione del desiderio, fra azione e stasi. Da una parte, vediamo Venere agire per conquistare il giovane amato e per celebrarne la scomparsa; e dall’altra, Adone patire gli assalti della dea e del cinghiale fino a ridursi a immoto corpo. L’amore di Venere per Adone si connota inoltre per un’...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Andrea Torre, « L’edonista riluttante. Erotismo, sessualità e mito adonico nel Rinascimento », Italique, XVII | 2014, 73-101.

Référence électronique

Andrea Torre, « L’edonista riluttante. Erotismo, sessualità e mito adonico nel Rinascimento », Italique [En ligne], XVII | 2014, mis en ligne le 01 octobre 2017, consulté le 28 juin 2017. URL : http://italique.revues.org/386 ; DOI : 10.4000/italique.386

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page