Navigation – Plan du site

Dallo scrittoio al teatro: considerazioni sulle tragedie giraldiane

Susanna Villari
p. 13-34

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2018.

Aperçu du texte

Nel 1963, nella sua recensione al libro di Horne sulle tragedie di Giraldi Cinzio, Dionisotti propose agli studiosi una questione rimasta tuttora aperta, relativa alle ragioni per le quali una sola delle nove tragedie giraldiane, l’Orbecche, fu pubblicata vivente l’autore ed ebbe grande fortuna:

uno studio critico sulle tragedie del Giraldi dovrà sì, come in questo libro [di Horne] è stato egregiamente fatto, procedere a un imparziale esame di tutte e nove le tragedie, ma anche e anzitutto dovrà accettare e spiegare il fatto che tra le nove soltanto l’Orbecche ebbe una qualche importanza nella storia della letteratura italiana. La quale storia, piaccia o non piaccia, è quel che è, non è storia modificabile per nostro gusto o capriccio, anche se sia col tempo modificabile per nostro ingegno e fatica. Nel caso di Giraldi, è chiaro che, prima di render conto dell’insuccesso di quelle sue tragedie ai lettori del tardo Cinquecento e dei secoli successivi fino al nostro, bisognerà chieder...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Susanna Villari, « Dallo scrittoio al teatro: considerazioni sulle tragedie giraldiane », Italique, XVIII | 2015, 13-34.

Référence électronique

Susanna Villari, « Dallo scrittoio al teatro: considerazioni sulle tragedie giraldiane », Italique [En ligne], XVIII | 2015, mis en ligne le 01 octobre 2018, consulté le 19 août 2017. URL : http://italique.revues.org/401 ; DOI : 10.4000/italique.401

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page