Navigazione – Mappa del sito

Il dittico tragico di compassione e orrore nella Adriana e nella Dalida di Luigi Groto

Bernhard Huss
Traduzione di Maraike Di Domenica
p. 35-61

Note della redazione

Una versione tedesca di questo saggio è apparsa in Archiv für das Studium der neueren Sprachen und Literaturen 252.1 (2015), pp. 83-104.

Estratto del testo

Questo documento sarà pubblicato online con testo integrale in ottobre 2018.

Anteprima del testo

trar dal petto vostro e da le ciglia
un’Etna di sospiri, un mar di pianto
G
roto, Adriana, Prologo, vv. 5-6

vi farò di horrore
gelar le vene, & arricciar le chiome
G
roto, La Dalida, 4.1

Solo in pochi, senz’altro esperti di letteratura del Rinascimento italiano e di manierismo letterario, ricordano il nome di Luigi Groto (1541-1585). Eppure, in vita, questo poeta è stato una delle figure di spicco dell’ambiente letterario del tardo Rinascimento; in un Veneto culturalmente molto attivo era conosciuto da tutti, e dopo la sua morte diventò addirittura «weit ins 17. Jahrhundert hinein ein in ganz Europa berühmter Mann». Redasse su commissione pubblica una serie di discorsi che furono declamati in occasioni politiche, scrisse inoltre numerose lettere, edite all’inizio del XVII secolo in tre raccolte, compose dialoghi e commenti (andati perduti) a testi scientifici (di astronomia, agricoltura e geologia), rielaborò e commentò i Cinque canti dell’Ariosto e il Decamerone di Boccaccio. Oggi, per ...

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliogafica

Bernhard Huss, « Il dittico tragico di compassione e orrore nella Adriana e nella Dalida di Luigi Groto », Italique, XVIII | 2015, 35-61.

Notizia bibliogafica digitale

Bernhard Huss, « Il dittico tragico di compassione e orrore nella Adriana e nella Dalida di Luigi Groto », Italique [Online], XVIII | 2015, online dal 01 ottobre 2018, consultato il 20 ottobre 2017. URL : http://italique.revues.org/403

Torna su

Diritti d'autore

© Tous droits réservés

Torna su