Navigation – Plan du site

Corrispondenza e corrispondenti nel secondo libro dei Sonetti di Benedetto Varchi

Vanni Bramanti
p. 87-112

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en décembre 2019.

Aperçu du texte

Come è emerso dagli studi succedutisi in questi ultimi decenni non esistono dubbi sull’importanza della figura e dell’opera di Benedetto Varchi all’interno degli anni centrali del nostro maturo Rinascimento, non fosse altro per l’indubbia abilità nell’allacciare e sviluppare tutta una serie di rapporti con buona parte degli uomini di cultura del suo tempo. Senza niente togliere all’opera, coniugata attraverso molteplici generi espressivi (con la punta di diamante della Storia fiorentina), la figura del personaggio presenta davvero risvolti di grande interesse: tanto nel corso del suo volontario esilio da Firenze (1537-1543), anni trascorsi quasi del tutto in area veneta con qualche puntata tra Bologna e Ferrara, quanto dopo il rientro nel capoluogo toscano (primi mesi del 1543), Varchi non mancò di tenere costantemente aperta ed attiva la rete dei suoi contatti. Nelle molte dedicatorie dei suoi testi editi ed inediti, così come nelle purtroppo poche sue lettere delle quali a tutt’og...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Vanni Bramanti, « Corrispondenza e corrispondenti nel secondo libro dei Sonetti di Benedetto Varchi », Italique, XIX | 2016, 87-112.

Référence électronique

Vanni Bramanti, « Corrispondenza e corrispondenti nel secondo libro dei Sonetti di Benedetto Varchi », Italique [En ligne], XIX | 2016, mis en ligne le 01 décembre 2019, consulté le 21 juillet 2017. URL : http://italique.revues.org/431 ; DOI : 10.4000/italique.431

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page