Navigation – Plan du site

Modalità epistolari nei capitoli in terza rima di Lattanzio Benucci (1521-1598)

Johnny L. Bertolio
p. 131-165

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en décembre 2019.

Aperçu du texte

La figura e l’opera di Lattanzio Benucci, letterato e giureconsulto senese di pieno Cinquecento, cominciano a svelarsi in tutte le sue sfaccettature. Citato qua e là nelle raccolte erudite e sempre presente nei saggi su Tullia d’Aragona, che l’ebbe ospite a Firenze e lo rese interlocutore del suo dialogo Della infinità di amore (1547), oltre che di vari scambi in forma di sonetto, Lattanzio ha ricevuto attenzione anche dal punto di vista biografico. In passato, della sua sterminata produzione poetica sono state isolate una serie di sonetti legati a Tullia e una corona di dieci sonetti caudati raccolti sotto il titolo collettivo della Civetta, una rovente discesa nell’agone letterario a margine della disputa Caro-Castelvetro, che vide Benucci schierarsi dalla parte del commendatore marchigiano.

Allineandoci con il tema generale del presente volume ci proponiamo qui di analizzare qualche altro segmento significativo delle poesie di Lattanzio, fermo restando che il Nostro si cimentò, s...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Johnny L. Bertolio, « Modalità epistolari nei capitoli in terza rima di Lattanzio Benucci (1521-1598) », Italique, XIX | 2016, 131-165.

Référence électronique

Johnny L. Bertolio, « Modalità epistolari nei capitoli in terza rima di Lattanzio Benucci (1521-1598) », Italique [En ligne], XIX | 2016, mis en ligne le 01 décembre 2019, consulté le 25 septembre 2017. URL : http://italique.revues.org/433 ; DOI : 10.4000/italique.433

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page